Molti di voi che ci seguono da anni saranno già abituati ai periodi ritocchi di stile e migliorie che realizziamo per i più giovani sia inteso di età che di fedeltà prima della lettura di questo post proponiamo anche la lettura de Le origini di TeleRofrano.

Si apre questa nuova versione del portale con un articolo scritto da un nostro compaesano. 

 di Nicola Raffaele Coviello

Quando ci si allontana dal proprio paese, i ricordi, quelli piu’ belli, quelli dell’adolescenza, restano immodificati e custoditi in un angolino del nostro cervello. E’ quella parte in cui noi ci rifugiamo quando la vita e lo stress, ci chiedono un po’ di tregua. 

Tutto il resto viene schiacciato ai margini e lo spazio viene occupato da tutto cio’ che noi diventiamo, lavoratori, professionisti, genitori. Ma, non appena la vita rallenta, i ricordi tornano prepotenti a rioccupare lo spazio perduto, come un universo in espansione dopo il big bang, e con essi il desiderio di riappropriarsi della propria vita e delle proprie emozioni, quelle vere, quelle genuine che solo il proprio paese, le proprie strade, le proprie montagne, gli odori della terra bagnata dopo una pioggia estiva, le lucertole che passeggiano sui muri nelle giornate calde e assolate, le radio accese di chi non ha paura di disturbare, che chiamano a raccolta tutti quelli che hanno voglia di un po’ di allegria.

Nel nostro paese, abbiamo l’esatta percezione di chi siamo, non siamo numeri, siamo persone, occupiamo uno spazio che ci appartiene perche’ e’ la nostra terra che scorre nelle nostre vene in qualsiasi parte del mondo noi ci troviamo.

E’ bello d’estate il brulicare di gente che sbuca da tutti i vicoli, ragazzi e ragazze belli, alti, gioiosi, sul viso stampata la speranza del proprio futuro.

L’estate a Rofrano e’ magica, il borgo si popola, raggiunge il suo apice in agosto e in questa fase brulicano le attivita’, la ricerca di tutto cio’ che serve a ricaricarti e che ti dovrai portare dietro per assaporarlo centellinandolo per tutto l’anno. Le notti sono cortissime, si dorme pochissimo, a cosa serve, in fondo, cio’ che bisogna ricaricare e’ la mente, per il fisico c’e’ sempre tempo.

E poi, all’improvviso,

La quiete dopo la tempesta

E’tempo, sono andati tutti via, come dice Teo, “simu rimasti nui e nui”, e’ l’eterno conflitto interiore di chi va e vorrebbe restare e chi resta e vorrebbe andare, forse, la 

bellezza e’ proprio nel rincorrere quello che non si ha e che di tanto in tanto si assapora, e ha un sapore dolcissimo. 

di Giuseppe Viterale NY

Nella vita si possono visitare posti famosi e meravigliosi o abitare in bellissime case in luoghi esclusivi ma nulla riempie di piu' la nostra anima come l'affacciarsi al balcone della propria infanzia.

 

 

CERCA

INFO & PRIVACY


Da marzo 2017 raccolgo le storie o notizie sul brigantaggio a Rofrano, invia la tua storia o altre info a telerofrano@gmail.com
Vai alla pagina annuncio




Storie di famiglia, personali, di emigrazione, di successo... se vuoi raccontare una storia per le LESTORIE, invia la tua a: telerofrano @gmail.com
Conosci una canzone, serenata, filastrocca rofranese o cilentana ?
Invia i tuoi testi a Telerofrano.com scrivi a telerofrano @gmail.com


ENTRA

Articoli commentati

PRINCIPI

Secondo recenti espressioni della giurisprudenza  Italiana e della Suprema Corte di Cassazione non sussiste alcun obbligo di registrazione per i blog in quanto questi sono un espressione della libertà d'opinione, diritto ampiamente riconosciuto dalla nostra Costituzione. I contenuti non sono moderati leggi informativa
Le opere contenute in TeleRofrano.com sono distribuite con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Non sei tenuto a rispettare i termini della licenza per ...continua a leggere

hastag Rofrano